Utilizzo del SELFIE PTK

Questa pagina descrive più in dettaglio come il SELFIE PTK potrebbe essere utilizzato dalle scuole, fornendo linee guida dettagliate passo dopo passo per le scuole da seguire. Le linee guida SELFIE PTK consistono in 7 passi principali.

Iniziare con un'auto-riflessione sulla capacità digitale della tua scuola con SELFIE e creare un team di coordinamento

1 of 8

Raggiungimento di una comprensione globale dei risultati riportati nel Rapporto SELFIE della propria scuola; identificare i dati chiave (ad es. convergenza/divergenza fra le opinioni espresse da diversi gruppi di intervistati; le risposte ad eventuali elementi personalizzati aggiuntivi); confrontare i risultati delle diverse aree (ad es. le aree principali vs quelle aggiuntive); selezionare 2-3 aspetti chiave da trattare nel Piano d'Azione SELFIE.

2 of 8

Costruire la comprensione condivisa fra i membri del team rispetto ai problemi evidenziati e gli aspetti correlati (ad es. tramite focus group, riunione di comitato, questionari, raccolta di suggerimenti, ecc.)

3 of 8

Dare priorità alle aree o elementi SELFIE che sembrerebbe richiedere attenzione e definire gli obiettivi da perseguire nell’ottica di ottenere miglioramenti in relazione a queste priorità (obiettivi per l’ulteriore elaborazione in Fase 2)

4 of 8

Per ciascun obiettivo definito, occorre pianificare uno o più attività che abbiano le cinque caratteristiche del approccio "S.M.A.R.T." (Specific, Measurable [outcomes], Achievable, Relevant, Time-bound) ovvero specificità, risultati misurabili, realizzabilità, pertinenza, fattibilità in determinato periodo di tempo (per maggior dettagli sull’approccio S.M.A.R.T., v. Fase 4: Descrizione delle attività)

5 of 8

Realizza una progettazione delle attività aggiungendo tempi, ruoli/responsabilità, risorse, criteri per monitorne l'efficacia, mezzi per monitorare e valutare le attività.

6 of 8
Coinvolgere potenziali partecipanti, istituire "team di implementazione", organizzare, raccogliere materiali, sostenere l'impegno attivo di tutti e avviare l'attuazione del piano d'azione.
7 of 8

Utilizzare i mezzi definiti nel corso dello Step 6 per monitorare e misurare la progressiva vicinanza ai criteri relativi al monitoraggio dell'efficacia stabiliti nello Step 5. Eventualmente, apportare delle opportune modifiche nel corso degli Step 4 e 5. Registrare i risultati delle attività per quanto riguarda gli obiettivi, le prestazioni dei partecipanti, i punti di forza e di debolezza, possibili miglioramenti futuri.

8 of 8

Si noti che questi step fanno parte di un approccio ciclico. Anche se le linee guida che seguono sono scritte in un formato lineare, i diversi passi non devono essere eseguiti in una sequenza rigida. Tenete a mente che in qualsiasi momento potete tornare a un passo precedente e ricominciare da capo. Mentre il progresso delle attività implementate viene monitorato nella Fase 3, può diventare evidente che le attività che erano state pianificate nella Fase 2 devono essere rimodulate sul momento. Questo tipo di ciclo ricorsivo, dalla progettazione all'attuazione, alla valutazione, alla riprogettazione e così via, è comune e, come tutti gli insegnanti sanno, è anche un'indicazione per una pratica sana e consapevole. Quando un tale ciclo si estende a tutte e tre le fasi generali, può davvero aiutare la scuola a ottimizzare la pianificazione e l'azione dell'innovazione pedagogica, e in questo modo consolidare il miglioramento dell'insegnamento e dell'apprendimento digitale.

Torna su